Archivi tag: The Crypt

Depravity, Festerday, Necropsy, Skepticism

Si conclude l’evento principale con un peso “medio” e tre “massimi”, il tutto ovviamente virgolettatissimo perché insomma siam seri, quanto “grossi” possono essere come nomi anche solo gli Skepticism che forse sono quelli nel fest che presumo vendano di più? Poi sarei curioso di vedere le statistiche di vendita della Svart che pare in Finlandia si stia accaparrando un po’ tutto, ma la percezione è che nessuno di questi gruppi faccia numeri incredibili, insomma. Meglio così, sia chiaro.

Comunque ecco gli ultimi gruppi del’evento principale.

Festerday

FESTERDAY

Gruppone fondato nel 1990 a Pietarsaari nel pieno fiorire di marcescenze finlandesi, completamente persi di vista quando cambiarono in …And Oceans anche perché il genere che suonavano in quell’ambito mi fa tuttora abbastanza orrore. Ho nella mancolista già da un pezzo la raccolta uscita a maggio su Svart di tutto il loro vecchio materiale, una “omnibus” che contiene i vari demo ecc. tra l’altro anche su vinile (triplo!). Gruppaccio Death Metal con influenze filo-carcassiane (abbastanza evidenti sin dal nome d’altronde) che tra dopo una riformazione abbastanza recente (2013) ha accentuato ancora di più la componente grindcore, i nuovi pezzi a tratti mi ricordano anche roba alla The County Medical Examiners, ma con distorsione svedese. Yummy.

Depravity

DEPRAVITY

Beh di questo gruppo ho ben poco da dire, forse il loro “Silence of the Centuries” è uno dei miei dieci album preferiti di tutti i tempi, capolavoro, opera d’arte assoluta, sunto di un’intera generazione di musica fondata sulla putredine, suoni soffocanti, un Death Doom fatto in maniera totalmente diversa dal solito, con sonorità perfettamente fuse tra loro e non solo alternate, una chimica perfetta che solo Autopsy e pochissimi altri sono riusciti a creare con tale precisione. Se i Demilich sono i fuoriclasse e i Purtenance la parte più brutale del sound Finlandese, i Depravity (Pirkkala) sono a mio avviso l’incarnazione perfetta di TUTTO quel che ci sta in mezzo, non c’è una sola cosa fuori posto nel loro EP su Adipocere a partire dalla copertina agghiacciante di Turkka Rantanen che tra l’altro ha rivisitato per la raccolta su The Crypt/Dark Descent (ma a mio avviso non ce n’era bisogno). Un gruppo da 10/10 al quale non mi sento di recriminare nulla. Mostruosi.

Necropsy

NECROPSY

A dire il vero i Necropsy (Lahti) che ricordo io sono quelli su Seraphic Decay, quelli del leggendario split con Demigod (a memoria l’unico 12″ dell’etichetta) e del 7″ “Never to Be Forgotten” (l’unico con logo metallico o ricordo male?), anche se ho sentito – devo ammettere e con il capo cosparso di cenere con poca attenzione – alcuni pezzi qui e li dopo la reunion del 2011. Inizialmente un gruppo tradizionalissimo, per lo più mid tempo, con vociazza gutturale e qualche sprazzo Autopsy/Morbid Angel qui e li (forse più evidenti ai tempi dei tanti demo), generalmente non melodici ma con lunghi intermezzi sparsi che mantenevano il sound un po’ più aperto. Ora devo dire che rispetto a Depravity, Purtenance e altri forse mi piacciono un po’ meno, ma rimane un gruppo da vedere assolutamente. Ho sentito i pezzi promo su Xtreem e non capisco bene cos’è che non mi piacque al primo ascolto, perché è roba ben più che interessante, in fondo non troppo distante da quello che facevano 25 anni fa, il che è solo un bene.

Skepticism

SKEPTICISM

Degli Skepticism che si può dire? Forse il più grande gruppo “Funeral” Doom di sempre, a me piacciono anche forse più dei Thergothon ma poi sempre li siamo a paragonarli solo perché sono entrambi coetanei e connazionali. Tra l’altro gli Skepticism di Riihimäki hanno anche una discografia ben più consistente (5 full, cazzo) e hanno avito modo di ruotare e plasmare il proprio sound sepolcrale per anni, mentre l’altro è un gruppo durato quanto, 3-4 anni? Boh, è una bella lotta. Io non sono un fan di tutto quel che esce con questa etichetta ma nel giusto mood questo è un genere che ti appiattisce al muro. Davvero non vedo l’ora di vederli anche perché mi han detto, non so se è vero, che non fanno tantissimi live. Grandissimi, grandissimi, imperdibili.